Dolore / Dolore post traumatico

UN DOLORE, PIU' CAUSE

Il dolore post-traumatico può riguardare:

  • l’apparato muscolare 
  • l’apparato scheletrico

Nel primo caso parliamo di dolore muscolare da trauma causato da uno sforzo muscolare eccessivo oppure uno sforzo intenso compiuto da un muscolo non allenato o già affaticato, o ancora un movimento improvviso e non usuale che possono indurre un allungamento patologico delle fibre muscolari e la rottura di alcune di esse. Nel linguaggio comune questi traumi vengono indicati come stiramenti o strappi muscolari, a seconda del grado di lesione del muscolo, mentre in termini medici si parla di lesione muscolare di primo, secondo, terzo grado. Queste lesioni sono sempre accompagnate dalla comparsa di dolore.

  • Lo strappo muscolare si manifesta con dolore acuto, intenso e improvviso, sempre ben localizzato al muscolo coinvolto.
  • Il dolore traumatico che riguarda l’apparato scheletrico compare quando su un’articolazione o un osso viene esercitata una forza di intensità maggiore di quella che la struttura è in grado di sopportare. 
  • La distorsione consiste in un allontanamento momentaneo delle ossa che costituiscono l’articolazione con conseguente stiramento dei legamenti. La lussazione invece è uno spostamento permanente di un capo osseo dalla normale sede articolare: il soggetto in questo caso non riesce più a muovere l’articolazione colpita. 
  • La frattura è la rottura di un osso, con o senza lo spostamento delle parti coinvolte. 
  • La contusione infine è l’effetto di un impatto meccanico che può lasciare indenne la superficie cutanea (se quest’ultima è lesa si parla di ferita lacero-contusa) e che interessa invece i vasi sanguigni dei tessuti sottostanti.

In caso di dolore da trauma i farmaci più utilizzati sono i FANS, (farmaci antinfiammatori non steroidei) di uso orale o topico. 

Con il passare delle ore dal trauma può presentarsi o estendersi l’edema ed il dolore acquistare un carattere più diffuso. 

In caso di ematoma e dolore lieve-moderato è possibile ricorrere a principi attivi di origine naturale in grado di agire su infiammazione, edema, dolore senza effetti collaterali.

La Mirra agendo sui recettori degli oppiodi nel sistema nervoso centrale è in grado di ridurre il dolore.

La Boswellia grazie all’inibizione della 5-lipossigenasi presenta un’efficace azione antinfiammatoria ed antiedemigena.

L’estratto secco di Ananas (titolato in bromelina) da decenni è utilizzato in ambito medico per la sua efficacia antiedemigena ed antinfiammatoria.