Infezioni vie urinarie / Prevenzione della cistite

La cistite, che sia batterica o di origine infiammatoria, ha molto spesso delle cause riconducibili a comportamenti errati che si tengono quotidianamente.
La vicinanza dell’uretra alla vagina e all’ano fa si che il passaggio dei batteri fecali avvenga facilmente; per questo motivo è importante anche curare la funzionalità intestinale e l’ambiente vaginale per prevenire la transmigrazione e la proliferazione batterica.

Esistono delle strategie che si possono tener presente quotidianamente per evitare di andare incontro a cistite:

  • favorire il transito intestinale e garantire un intestino regolare, per ridurre l’accumulo di patogeni. Assumere fibre e acqua per migliorarne la funzionalità;

  • praticare un'accurata e quotidiana igiene intima, con movimenti che vanno dalla vagina all'ano. Se si compie il movimento contrario si rischia, infatti, di trasportare materiale fecale a contatto con gli vagina e uretra e di innescare un’infezione;

  • curare l’igiene intima utilizzando detergenti non aggressivi, senza profumazione e alcool. Il sapone deve rispettare il pH fisiologico della mucosa che è acido;

  • cambiare spesso asciugamani;

  • indossare biancheria intima di cotone e indumenti non stretti. L'utilizzo di biancheria in materiale sintetico o pantaloni troppo aderenti altera la corretta traspirazione. In un ambiente umido i batteri si riproducono più rapidamente.

  • è opportuno urinare prima e soprattutto dopo il rapporto sessuale, poiché il flusso urinario facilita il trasporto verso l'esterno di eventuali batteri;

  • curare l’ambiente vaginale con lubrificanti durante i rapporti per evitare traumi meccanici da sfregamento. Integrare con lactobacilli e acido lattico per ristabilire l’equilibrio vaginale e rafforzare le difese naturali;

  • favorire sempre lo svuotamento della vescica, per evitare il ristagno di urine molto concentrate che possono irritare la vescica e per favorire l’eliminazione dei batteri;

  • praticare attività fisica;

  • non fumare.


ALIMENTAZIONE E CISTITE

É noto a tutti come l'alimentazione incida sul nostro stato di salute. Per mantenerlo in condizioni ottimali bisogna fornire al nostro corpo tutti i nutrienti di cui necessita, assumendo la giusta quantità dell'alimento e rispettando le frequenze con le quali ogni alimento deve essere consumato (quotidianamente o settimanalmente), seguendo sempre uno schema dietetico personalizzato in base ai propri bisogni, alla propria condizione di salute, e alle eventuali allergie o intolleranze.

É stato dimostrato infatti che un'alimentazione sbilanciata verso cibi "infiammatori" possa provocare o aggravare la cistite. 


RACCOMANDAZIONI DIETETICHE GENERALI

  • Buona idratazione;

  • ridurre il consumo di zuccheri semplici;

  • ridurre il consumo di grassi saturi;

  • incrementare il consumo di fibra;

  • privilegiare alimenti che acidificano le urine, ciò aiuta a contrastare l’aderenza dei batteri alla parete mucosa della vescica;

  • seguire le raccomandazioni per una corretta alimentazione nella popolazione generale in merito alla riduzione di grassi soprattutto di origine animale, di bevande ed alimenti ricchi di zuccheri e alla corretta assunzione di adeguate porzioni di frutta e verdura;

  • preferire metodi di cottura come: il vapore, microonde, griglia o piastra, pentola a pressione, piuttosto che la frittura, la cottura in padella o bolliti di carne;

  • rispettare una corretta ridistribuzione dei pasti, evitando cene abbondanti;

  • valutare con il medico curante la possibilità di introdurre integratori.


AVVERTENZE

I consigli dietetici forniti sono puramente indicativi e non debbono essere considerati sostitutivi delle indicazioni del medico, in quanto alcuni pazienti possono richiedere adattamenti della dieta sulla base della situazione clinica individuale.

Di seguito vengono proposti vari alimenti inseriti nelle categorie "NON CONSENTITI", "CONSENTITI CON MODERAZIONE" E "CONSENTITI e CONSIGLIATI".
É chiaro che questi consigli sono di natura generale e ciascuno potrà farli propri con le dovute specifiche del caso.

NON CONSENTITI:

  • superalcolici e alcolici potenti irritanti di tutte le mucose dell’organismo, vescica compresa;

  • caffè, tè e bevande contenenti sostanze nervine come la caffeina presente anche nella cola;

  • peperoncino, pepe e spezie piccanti in generale perché possono agire come irritanti della vescica;

  • formaggi piccanti;

  • dolci come cioccolato, gelati, ecc. perché gli zuccheri semplici facilitano la crescita batterica;

  • bevande zuccherine come acqua tonica, tè freddo, ma anche succhi di frutta, perché contengono naturalmente zucchero anche se riportano la dicitura “senza zuccheri aggiunti”;

  • dolcificanti artificiali (in pastiglie o contenuti in alcuni yogurt, marmellate, prodotti da forno e bibite);

  • condimenti grassi come burro, lardo, margarine e altri alimenti grassi che possono rallentare la digestione (intingoli, fritture, ecc.);

  • salse come maionese, ketchup, senape;

  • insaccati.

CONSENTITI CON MODERAZIONE:

  • sale. É buona regola ridurre quello aggiunto alle pietanze durante e dopo la cottura e limitare il consumo di alimenti che naturalmente ne contengono elevate quantità (alimenti in scatola o salamoia, dadi ed estratti di carne, salse tipo soia).

  • carne. É consigliabile privilegiare quella proveniente da tagli magri, privata del grasso visibile, e preparata con metodi di cottura semplici. Evitare quelle affumicate.

CONSENTITI e CONSIGLIATI:

  • acqua, almeno 2 Litri al giorno;

  • verdura. Consumare almeno una porzione di verdure a pasto per apportare vitamine, sali minerali e antiossidanti. Preferire quelli con poco sodio e molto potassio tra cui: cavolfiori, finocchi, carote, lattuga, broccoli, spinaci. Se necessario, integrare la propria dieta con supplementi di fibra in polvere;

  • frutta. Circa tre frutti al giorno meglio consumati con la buccia dopo averli ben lavati. Variare il più possibile la qualità (colore) permette di introdurre correttamente vitamine, sali minerali e antiossidanti. In particolare mirtilli, ribes, kiwi e frutti di bosco rinforzano le vie urinarie e il sistema immunitario perché sono ricchi in vitamina C. Mangiare anche frutta cotta (preferibilmente pere o prugne). Anche anguria e ananas sono indicati per il loro basso contenuto di sodio, elevato apporto di potassio ed effetto drenante;

  • tisane ed infusi ad esempio al timo, disinfettante naturale delle vie urinarie;

  • aglio e cipolla per le loro proprietà antimicrobiche e immunostimolanti;

  • sedano e prezzemolo in virtù della loro azione diuretica;

  • cereali integrali da preferire a quelli raffinati;

  • pesce fresco;

  • formaggi freschi a basso contenuto di grassi e stagionati come il Grana Padano DOP che è un concentrato di latte, ma meno grasso del latte intero perché parzialmente decremato durante la lavorazione, il suo consumo incrementa l’apporto proteico ai pasti e favorisce il raggiungimento del fabbisogno giornaliero di calcio e vitamine come la B12 e la A;

  • olio extravergine d’oliva a crudo per condire gli alimenti;

  • latte fermentato e suoi derivati, come lo yogurt; oppure fermenti lattici a cicli.