Home / PRINCIPI ATTIVI

L'ORIGINE DELL'EFFICACIA

Il termine principio attivo indica una sostanza che possiede una certa attività biologica, includendo tutte le sostanze dotate di effetto terapeutico (farmaci), benefico (vitamine, integratori alimentari, probiotici) o tossico (veleni).

https://it.wikipedia.org/wiki/Principio_attivo

I principi attivi possono essere:

— di sintesi, ovvero prodotti chimicamente partendo da molecole base; la maggior parte dei farmaci è prodotto in questo modo;

— di semi sintesi, dove ad una parte prodotta chimicamente se ne associa una per estrazione: l’esempio più famoso e l’aspirina;

— di naturali (estrattivi), quando la pianta, o l’animali forniscono il principio attivo direttamente, senza che sia necessaria alcuna trasformazione. Tra queste ultime molecole è importante ricordare la morfina, la nicotina, i terpeni (fra cui il carotene), i glicosidi, come la digossina e molti altri. I principi attivi delle piante possono essere estratte dal fitocomplesso attraverso particolari e numerose tecniche estrattive o assunti con la droga.

Di norma il principio attivo è contenuto in dosaggio preciso, ma varibile in relazione alla molecola considerata, della forma farmaceutica (compresse, bustine, gel) o delle finalità del preparato stesso.

All’interno dei farmaci, ma anche degli integratori alimentari, il principio attivo è di norma mescolato agli eccipienti, sostanze necessarie all’ottenimento della forma farmaceutica desiderata e in alcuni casi fondamentale per veicolare il principio attivo stesso.